DATE ED ORARI: Sabato 23/06/2007 e Domenica 24/06/2007. 9.30 /13.00 e 14.30/19.00. 

INFO: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  e 349.36.218.36

 

Il percorso intende offrire la possibilità di poter fare un’esperienza di interrelazione tra le due discipline, a tutti coloro che vogliono scoprire e sperimentare in sé la musica e il gesto teatrale.Gli itinerari procedono parallelamente. Inizialmente ci si confronta con gli elementi base dei due “linguaggi”. Per quanto riguarda la musica, pensiamo al timbro (le voci dei diversi strumenti musicali, come le voci di diverse persone), il ritmo, la melodia, l’ascolto ed il silenzio, elementi che  ritroviamo, presenti anche negli aspetti più quotidiani del movimento, della parola, dell’espressione, dell’emozione, ecc. Per il teatro identifichiamo, il tema del corpo, la sua scoperta come strumento di percezione e comunicazione, la conoscenza dello spazio quotidiano e teatrale, il rapporto tra gesti e ritmi e voce e corpo, parola e silenzio, l’ascolto,la fiducia e la relazione, Sono previsti dei momenti di sintesi a cadenza mensile tra i due percorsi allo scopo di formalizzare in forme diverse e progressive l’evoluzione del percorso. 

Nel laboratorio, verranno sviluppate le seguenti tematiche riguardanti gli aspetti musicali: 

-           guida all’ascolto

-            esercitazioni sul ritmo

-            esercitazioni sulla dinamica

-            esercitazioni sulla melodia

-            esercitazioni sulla armonia

-           tecniche di espressione vocale

-            l’improvvisazione musicale

-            relazione tra musica e movimento

-            relazione musicale diadica e di gruppo

-           la relazione tra suoni e “teoria degli affetti”

-           la costruzione della colonna sonora 

 

In conclusione gli obiettivi della parte musicale del laboratorio saranno i seguenti: 

1) Fornire una base teorico pratica per potersi esprimere musicalmente.

2) Promuovere l’espressione ed il riconoscimento del proprio stile musicale.

3) Sviluppare la capacità di creare insieme la musica del gruppo valorizzando le risorse dei singoli.

4) L’integrazione tra musica e corpo, mente, anima.  

 

 

Per quanto riguarda l’aspetto teatrale verranno sviluppate le seguenti tematiche:     

-   socializzazione del gruppo    

-   conoscenza dello spazio    

-   il rilassamento    

 -   sviluppo dell’attenzione e dell’ascolto    

-    il corpo come strumento di percezione    

 -    i gesti e i ritmi    

-    coordinazione psicomotoria    

-    voce e corpo    

-    l’improvvisazione teatrale (a partire da un’idea o dal proprio vissuto)    

-    spazi ed oggetti della messinscena    

 -    lettura ad alta voce con intonazione    

-    il lavoro sul personaggio, nelle sue relazioni con lo spazio, il movimento e la voce 

 

In conclusione gli obiettivi della parte teatrale del laboratorio saranno i seguenti: 

1) Fornire le coordinate fondamentali per orientarsi nello spazio del teatro.

2) Promuovere l’utilizzo di uno strumento fondamentale per l’essere umano: la possibilità di creare narrazioni, storie, per raggiungere la vita, narrando di sé e mettendosi in scena.

3) Favorire la capacità di affrontare problemi concreti (dallo spazio alle attrezzature sceniche), imparando a risolverli. Intervenire nella realtà, affinando le capacità di progettazione attraverso i pochi oggetti disponibili e modificando gli spazi adattandoli al proprio lavoro

4) Avviare alla scoperta del linguaggio corporeo, come strumento conoscitivo complementare al linguaggio verbale, nella direzione di un’integrazione corpo-mente. 

Verrà proposta un’ attività laboratoriale improntata ad uno stile di conduzione maieutico, al fine di favorire la spontaneità  e di valorizzare ciò che emerge nel soggetto, incoraggiando un atteggiamento positivo e di ricerca, nei confronti del lavoro.          

DATE ED ORARI: Sabato 28/04/2007 e Domenica 29/04/2007. 9.30 /13.00 e 14.30/19.00.  

Breve curriculum:  

Alberto Gandolfo: chitarrista classsico, laureato presso l’Università di Bologna DAMS-musica, si specializza in Musicoterapia presso il corso triennale della “Bristol University sede di Bologna”, pratictioner in PNL-umanistica metodo M. Scardovelli G. Bozzo. Lavora da anni come musicoterapeuta  presso Usl, Case di Riposo, Centri di Infanzia, e attività didattica.  

 

Michele Silvestrin: regista ed attore. Formazione tradizionale teatrale a Padova e Bergamo. Formazione triennale, con l’Associazione di Ricerca e Sperimentazione sul Teatro dell’Oppresso “Giolli” di Livorno. Svolge intensa attivita’ pedagogica e teatrale.Dal 2003 si occupa di Teatro-Carcere  presso la Casa Circondariale di Rovigo. 

INFO: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.