performative_20090713_1772324381Si tratta di un progetto itinerante di workshops intensivi di arti performative contemporanee nelle Città di Bassano del Grappa, Treviso e Castelfranco Veneto e della successiva realizzazione di una serie di studi-performance in luoghi caratteristici delle città.
L’articolato programma intende offrire l’occasione di sperimentare uno studio ed una pratica intensiva ad artisti provenienti da discipline diverse, non più considerate indipendenti le une dalle altre, bensì come un tutt’uno, all’interno del nuovo linguaggio del teatro contemporaneo.

Attraverso i laboratori, condotti da professionisti del settore, si intendono fornire gli strumenti utili alla realizzazione di progetti e produzioni contemporanei di gruppo.
I laboratori sono aperti a giovani attori, musicisti, video artisti, registi, danzatori e ai giovani in generale ma anche a chi è alla prima esperienza e a quanti si interessano alle arti sceniche contemporanee.
A conclusione di ciascun workshop, saranno realizzate delle performance che avranno vita negli spazi cittadini i quali diverranno anche spazi di comunicazione artistica.
Luoghi in cui giovani, professionisti e cittadinanze potranno confrontarsi tra loro. Le nostre città hanno occhi e orecchi che ci vedono e ci ascoltano, sono osservatori non visti che ci colgono nella nostra inconsapevole agitazione quotidiana.
Durante i laboratori i partecipanti sperimenteranno il rapporto tra osservatore e osservato, tra dimensione pubblica e privata, tra performer e spettatore.
Si concentreranno sugli aspetti caratteristici delle città e della società contemporanee come la videosorveglianza e il fenomeno internet e sulla riflessione critica sul territorio e gli spazi urbani, proprio a partire da forme alternative di utilizzo degli stessi, e di una sperimentazione dell’azione teatrale e performativa in luoghi non convenzionali.

 

Tutti i laboratori sono sovvenzionati e a numero chiuso.

È possibile partecipare anche a più di un laboratorio.

Le iscrizioni sono aperte da luglio. La prenotazione agli workshops è obbligatoria.

 

Bassano del Grappa

 

L’intercettazione _ workshop di registrazione audio ambientale

25 e 26 luglio _ ore 9.30 – 16.30 _ Ridotto Remondini

 

L’uomo invisibile _ laboratorio di ricerca teatrale

dal 27 luglio al 1 agosto _ ore 18.00 – 22.00 _ Ridotto Remondini

 

performance 2 agosto _ ore 21.30 _ chiostro del Museo Civico

Treviso

 

Parole registrate in forme di dialogo _ laboratorio di scrittura drammaturgica _ I parte

23 luglio – 6 e 20 agosto _ ore 21.00 – 23.00 _ Spazio Paraggi

 

L’uomo invisibile ­_ laboratorio di ricerca teatrale

dal 3 al 8 agosto _ ore 18.00 – 22.00 ­_ Spazio Paraggi

 

performance 9 agosto _ ore 21.30 _ Spazio Paraggi

 

Castelfranco Veneto


Il terzo occhio _ laboratorio di videomaking digitale

18 luglio – 22 e 23 agosto _ ore 10.00 _ Auditorium Giovanni Graziotto

 

L’uomo invisibile _ laboratorio di ricerca teatrale

dal 24 al 29 agosto _ ore 18.00 – 22.00 _ Auditorium Giovanni Graziotto

 

Parole registrate in forme di dialogo _ laboratorio di scrittura drammaturgica _ II parte

27 agosto – 3 e 17 settembre – 1 ottobre _ ore 21.00 – 23.00 _ Auditorium Giovanni Graziotto


performance 30 agosto _ ore 21.15 _ Villa Revedin-Bolasco

performance finale sabato 28 novembre ore 20.45 _ Teatro Accademico

 

L’uomo invisibile

laboratorio di ricerca teatrale

 

condotto da Barbara Riebolge

 

Tre laboratori in tre città. Ogni seminario sarà un percorso attraverso la ricerca sensoriale della spontaneità di ciascuno, della consapevolezza di sé e degli altri, per un teatro al contempo individuale e collettivo.

Si muoverà dal training dell’attore per una più completa coscienza delle proprie capacità espressive, mirando all’eliminazione dei blocchi e alla ricerca di una comunicazione schietta e naturale. Ciascuno sperimenterà un linguaggio espressivo personale all’interno di un lavoro corale. Si indagherà sul rapporto tra osservatore e osservato e su come attore e spettatore siano prospettive diverse di un evento comune.

Movimento del e nello spazio: lo spazio teatrale, le relazioni spaziali.

Movimento del corpo: il training dell’attore, l’ascolto della propria fisicità, il linguaggio corporeo e le possibilità espressive.

Movimento vocale: l’ascolto e le possibilità della voce.

Movimento corale: il lavoro in gruppo e sul gruppo, il rapporto con gli altri.

Movimento nella creazione: l’improvvisazione, l’immaginazione, la messa in scena.

Movimento nel dialogo: le tecniche del teatro, fatte dal lavoro d’attore, sposano quelle digitali e interattive.

 

Barbara Riebolge, attrice e regista, da diversi anni opera a Castelfranco e nel territorio regionale per la promozione della cultura teatrale. Formazione teatrale di ricerca. Conduce laboratori teatrali e stages, organizza e produce spettacoli e rassegne. Dal 1998 presta la sua collaborazione artistica a diverse compagnie teatrali.

Dirige la compagnia Ailuros e il progetto di formazione Oficineteatrali. Da anni si interessa allo studio delle arti performative basate sul dialogo tra varie discipline artistiche (teatro, danza, musica e videoart) e alla ricerca di nuove e diverse forme espressive per una comunicazione scenica spontanea e diretta.

 

Il terzo occhio

workshop di videomaking digitale

 

condotto da Giacomo Talamini

 

Il workshop del 19 luglio inizierà con una rapidissima disamina delle basi teoriche necessarie all'utilizzo di una videocamera digitale, per poi concentrarsi sull'ideazione del video, sullo storyboarding e sulla pianificazione della ripresa, elementi decisivi nell'elaborazione di materiale pienamente aderente alle necessità artistiche della piece teatrale. L'ideazione avverrà sotto forma di un brainstorming collettivo, ragionato ma sostanzialmente libero. La seconda sessione, il 22 e 23 luglio, sarà incentrata sul montaggio e sulla postproduzione, le fasi durante le quali la creazione scaturisce dal magma del girato acquistando corpo, ritmo e significato, a volte in modo piacevolmente dissonante rispetto all'idea primigenia.

 

Giacomo Talamini è un videomaker, regista e sceneggiatore, attivo da diversi anni nel mondo del filmaking indipendente. Coltiva una particolare predilezione per il genere fantascientifico ed è il project leader di Philanthropy, lungometraggio basato sul celebre videogioco Metal Gear Solid, che è valso a lui e al suo team (Hive Division, ora una neo-casa di produzione in fase di startup) un ampio risalto nazionale e internazionale.

 

Parole registrate in forme di dialogo

laboratorio di scrittura drammaturgica

 

coordinato da Nicola Cecconi

 

Sette incontri di due ore ciascuno attraverso i quali i partecipanti potranno produrre un testo drammaturgico collettivo ed uno individuale. Il testo collettivo sarà redatto grazie a un lavoro di gruppo finalizzato a selezionare, analizzare, modificare e definire le idee drammaturgiche di ciascuno per ottenere un testo comune, una scrittura corale che nasca dal presupposto di confrontare le proprie parole con quelle degli altri; il testo individuale permetterà invece di sviluppare in maniera autonoma il proprio progetto di scrittura, avvantaggiandosi però del confronto con gli altri partecipanti. Cinque saranno gli incontri-confronti tra gli autori, due gli appuntamenti in cui il testo verrà condiviso anche con attori partecipanti a laboratori teatrali.

 

Nicola Cecconi, giornalista pubblicista, laureato in Linguaggi e tecniche di scrittura e Filologia e letteratura italiana, collabora alla stesura e agli adattamenti dei testi del progetto di formazione Oficineteatrali e della Compagnia teatrale Ailuros. È stato direttore editoriale della casa editrice Editing Edizioni, si occupa di editing e di comunicazione.

 

L’intercettazione

workshop di registrazione audio ambientale

 

condotto da Mauro Martinuz e Devis Gramziera

 

Dopo pochissime nozioni teoriche il workshop si svolgerà essenzialmente girando per la città di Bassano del Grappa a "caccia" di suoni, rumori e paesaggi sonori che saranno poi utilizzati durante la performance di teatro che nel frattempo andrà a delinearsi. I suoni archiviati in una giornata di lavoro saranno quindi elaborati, editati e adattati alle esigenze della piece teatrale durante la seconda giornata.

Contribuiremo alla sceneggiatura. Coloreremo le scene e attraverso situazioni sonore particolarmente caratteristiche porteremo all'interno dell'opera teatrale la sensazione che il teatro non sia un luogo chiuso, acusticamente isolato, ma anzi un luogo che può contenere tutta l'energia della città che lo ospita.

 

Mauro Martinuz è un musicista, organizzatore di eventi culturali attivo sul territorio veneto da ormai molti anni. Da qualche mese vive a Berlino dove collabora con un centro culturale orientato alla musica e si dedica alla composizione di musica ambient/minimalista con chitarra, computer e field recordings.

 

Devis Gramziera è un artista originario di Bassano del Grappa che produce dischi sotto vari nomi d'arte (T.S., PPPPetrolio). Nella sua musica utilizza spesso registrazioni ambientali da lui effettuate ed è stato più volte collaboratore in produzioni cinematografiche per le quali ha curato la ripresa dall'audio.

 

per info ed iscrizioni:

cell. +39.327.3293996   +39.349.3621836

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

www.cittaperformattive.it

iniziativa realizzata con il contributo della Regione Veneto
Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
con il patrocinio e il contributo di